Il contesto e i benefici

Il carcere propone una quantità di sollecitazioni e suggestioni infinita, in forma estrema ed eclatante. Come spesso accade, sono proprio i contesti e le occasioni diverse e “altre” dalla nostra esperienza a fornire i migliori spunti di riflessione o a far emergere tematiche sommerse nella routine quotidiana.

Uscire dagli schemi e ripensare soluzioni semplici

Chi è impegnato nel ruolo di responsabile e gestore di persone e risorse spesso si trova “imprigionato” nella ricerca di soluzioni all’interno di quadri di riferimento consolidati, con poche occasioni per pensare a partire da punti di vista diversi e inediti. Più che un luogo che fornisce soluzioni, il carcere richiama criticità rimosse e aspetti nascosti, spesso invisibili alla nostra attenzione, temi sopiti, ma anche sorprese e interessanti prospettive per trovare percorsi e soluzioni efficaci.

Uscire dagli schemi

L’idea di aprire il carcere alle aziende è nata in continuità con gli interventi di consulenza organizzativa che hanno generato importanti ricadute positive sia per l’istituto penitenziario sia per le aziende, le associazioni e gli enti che scommettono su un percorso così suggestivo e sorprendente.

Un modello vicino alle proprie organizzazioni

Nell’ambito della formazione, le modalità offerte più frequentemente dal mercato di settore privilegiano l’esperienza “diversa” e “forte” attraverso outdoor sempre più lontani, e anche più estremi, con il rischio di allontanarsi troppo dal contesto lavorativo e diventare una vacanza, nel senso latino del termine (vacatio, sospensione), una discontinuità, in cui si può anche fare esperienza di rapporti diversi e positivi, difficili però da trasferire nel contesto organizzativo al ritorno e quindi da spendere realmente.

Anche in questo modello ci si allontana dal proprio contesto, ma si rimane in un’organizzazione molto strutturata, in cui gestione del tempo e delle emergenze, vincoli organizzativi, sistema delle regole, gerarchie, autonomia dei singoli si presentano con molta chiarezza, quasi amplificati.

Si tratta quindi di una modalità formativa che, pur decontestualizzando, suscitando emozione, mettendo in gioco le persone, conduce a una riflessione su tematiche proprie di ogni azienda e degli Enti della pubblica amministrazione. Inserita in un percorso di formazione strutturato e costruito su misura, permette al gruppo che vi partecipa di cogliere gli aspetti più interessanti e di farne materiale efficace per il proprio progetto di apprendimento o di cambiamento.

Uscire dagli schemi

I benefici del percorso e del metodo proposto

  • Accedere a una proposta formativa unica e irripetibile;
  • Confrontarsi con una realtà che obbliga a uscire dagli schemi quotidiani;
  • Fare esperienza di condizioni organizzative diverse e forti;
  • Non allontanarsi troppo dai contesti lavorativi di ogni giorno;
  • Cogliere aspetti più interessanti per approntare nuove soluzioni e cambiamenti;
  • Acquisire punti di vista inediti su temi portanti: gestione del tempo, regole, emergenze, gerarchie, autonomia dei singoli ecc.